VICENZA, S. Pietro in Vivarolo

Da Care.
(Reindirizzamento da VICENZA, San Pietro in Vivarolo)
Jump to navigation Jump to search

Dati

Topografia

{{#display_map:45.551564,11.535591|width=400|height=300|service=osm|zoom=18}}

Nazione Italia
Regione Veneto
Provincia Vicenza
Comune Vicenza
C.A.P. 36100
Indirizzo/Località
Toponimo
Proprietario
Vincoli
Riferimenti cartografici
Particella catastale
Latitudine 45.551564
Longitudine 11.535591
Altitudine


Fonti storiche e identificazione

Fonti storico-epigrafiche

Nel privilegio del 977 sottoscritto dal vescovo di Vicenza Rodolfo al monastero dei SS. Felice e Fortunato è compresa “in Vivariolo curtem unam cum capella sancti Petri” (CDP, I, n. 67), poi confermata dai privilegi di Girolamo e di Aistolfo (CDP, I, nn. 93, 126) e dalla bolla di Alessandro III del 1168 (Ughelli 1720, coll. 1042-1043).

Bibliografia

A. GLORIA (a cura di), Codice diplomatico padovano dal secolo sesto a tutto l’undecimo, Monumenti storici pubblicati dalla Deputazione veneta di Storia patria, Venezia 1877.

G. MANTESE, Memorie storiche della chiesa vicentina, I, Dalle origini al Mille, Vicenza 1952, p. 149.

G. MANTESE, Memorie storiche della chiesa vicentina, III, Il Trecento, Vicenza 1958, pp. 262-264.

P. SELLA, G. VALE (a cura di), Rationes Decimarum Italiae nei secoli XIII-XIV, Venetiae-Histria-Dalmatia, Città del Vaticano 1941.

F. UGHELLI, Italia Sacra, sive de Episcopis Italie et insularum adiacentium, V, Venetiis 1720.

Conservazione

Scomparsa

Intitolazione attuale

S. Pietro



Contesto Insediativo

Descrizione

La chiesa si trovava nel sobborgo di Porta Nova a Vicenza, fuori della porta occidentale di S. Croce, dove in seguito venne eretta la chiesa dei frati cappuccini.



Funzione

Funzione dell'edificio

Non specificata


Galleria di immagini

Informazioni generali

Descrizione Oggi scomparsa, la chiesa è attestata dalle fonti scritte nel X secolo. Nel basso Medioevo la cappella divenne sede di un convento di monache con un priore nominato dall’abate dei Santi Felice e Fortunato. Nel 1390 fu affidata a sacerdoti secolari. Il convento era già diroccato e abbandonato quando, nel 1537, Ignazio di Loyola, giungendo a Vicenza, vi stabiliva la sua dimora provvisoria.

Articolazione in sequenze

Interpretazione

Datazione e giustificazione critica

L'esistenza della chiesa in età altomedievale è documentata dalle fonti scritte. EmptyData.png EmptyData.png


Altre Informazioni

EmptyData.png EmptyData.png


Informazioni sulla pubblicazione

Data febbraio 25, 2014
Autore scheda informatica Derek Schianta Scheda Personale
Autore scheda cartacea Ettore Napione
Stato di avanzamento della scheda 5. Scheda Verificata
Affidabilità della scheda {{#paper_quality:0. Media}}